About

I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo.

L.W.

Like a little disaster è un progetto collettivo senza fissa dimora. L.A.L.D. rifiuta l’idea di essere confinato in un unico spazio e ricorre a tutte le strutture possibili, senza alcuna preclusione, come oggetto di azione e indagine. Creare significato è un’attività che necessita dell’interazione con le sedimentazioni storiche e culturali del luogo dei nostri interventi, in modo tale da attuare una strategia in cui la cornice sociale non sia solo un contorno ma parte essenziale di ogni progetto.

Siamo impegnati nella produzione, realizzazione e presentazione di progetti provvisori, fortemente condizionati dall’ambiente circostante, che possano offrire risposte significative o alternative possibili alle condizioni economiche, politiche e sociali e alle esperienze vissute quotidianamente nei “territori” dei nostri interventi.
Promuoviamo collaborazioni artistiche, esplorazioni e sperimentazioni in diversi contesti culturali e dispositivi di visualizzazione pubblica.
La nostra mission è semplicemente quella di fornire un alternativa; un contesto diverso in cui gli artisti possano sperimentare, cercando di estendere all’esterno le relazioni e le interconnessioni che essa genera;
dal livello individuale a quello globale.
Abbiamo una struttura organizzativa in continua evoluzione. Siamo sempre pronti ad accogliere nuove idee e collaborazioni.

The limits of my language mean the limits of my world.

L.W.

Like a little disaster is a no-based collective run project. L.A.L.D. refuses the idea to be confined in an only one space and uses all possible locations, without any foreclosure, as object of action and investigation. Meaning making is an activity that occurs through the interaction with historical and cultural sedimentations of the space of our interventions in order to adopt a strategy whereby the social frame does not so much ‘surround’ as much as it becomes essential part of each project.
We are committed to producing, realizing and presenting provisional projects, highly contingent upon the immediate environment and that can provide possible alternatives or meaningful proposals to the various economic, political, social conditions and to everyday lived experiences in the “territory” of our interventions.
We promote artistic collaboration, exploration and experimentation across different cultural contexts and viewing publics.
Our mission is simply to provide an alternative; a different context in which artists can experiment, trying to extend outward the relationships and interconnections that it generates, from the individual to the global level.
We have an ongoing organization structure. We are always willing to welcome new ideas, and collaborations.